La paura secondo la medicina cinese (con video)

paura in medicina cinese

La paura in la medicina cinese è l’emozione associata ai Reni e coinvolge l’asse Acqua-Fuoco ovvero Rene-Cuore (Livello Shao Yin).

La paura sollecita negativamente l’organismo, come ogni emozione, quando è in eccesso incide negativamente sui regolari movimenti del Qi e sulla sua circolazione.

In particolare, quando proviamo paura, il nostro Qi si blocca e si dirige verso il basso. Ad essere coinvolto è il sistema funzionale del Rene che, al contrario, ha natura ascendente e “consolidante”.

paura in medicina cinese

Cosa succede quando proviamo paura?

Se l’emozione della paura è vissuta troppo spesso o con eccessiva intensità, il Rene viene stimolato eccessivamente da questa discesa di Qi e si indebolirà.

Ciò può condurre a manifestazioni come incontinenza o enuresi, dolore nella zona lombare e delle ginocchia, invecchiamento precoce o repentino (si pensi al modo di dire “capelli bianchi per la paura”…).

L’indebolimento del Rene coinvolge anche la sua relazione con il Cuore, interrompendo l’equilibrio dell’asse Acqua-Fuoco.

Potranno manifestarsi quindi anche vertigini, acufeni, perdita di udito, grave ansia, palpitazioni

La paura ha, inoltre, la capacità di bloccare.

Questa emozione riesce a far rallentare la circolazione del Qi e del Sangue, causa contrazioni involontarie e croniche dei muscoli, compreso il diaframma, con effetti a vari livelli (digestivo, respiratorio etc).

Anche lo spavento agisce danneggiando la nostra energia.

paura in medicina cinese

Si tratta in questo caso di una reazione inconsapevole, improvvisa e violenta. Lo spavento improvviso causa il disordine della circolazione del Qi e la perdita del controllo mentale e dei movimenti.

La paura e lo spavento sono reazioni emozionali con azioni negative simili sull’energia dei Reni: la sollecitano negativamente, ne turbano i movimenti del Qi e alla lunga danneggiano i Reni. Lo spavento provoca, per esempio, l’urinare in modo incontrollato (“farsela sotto dalla paura”).

Il Rene in medicina cinese rappresenta la nostra energia più profonda. E’ la radice dello yin e dello yang dell’intero organismo. E’ l’energia del cielo anteriore (congenito) che “sostiene il cielo posteriore (l’acquisito). E’ il fondamento della vita.

La paura danneggia il Rene.

Allo stesso tempo, però, in caso di debolezza energetica, l’energia del Rene genera paura intesa come emozione di smarrimento, assenza di gioia di vivere per mancanza di uno scopo da realizzare.

Che fare se proviamo paura?

Per non restare bloccati dalla paura la medicina cinese invita a nutrire lo spirito e la mente.

Restare calmi, positivi, non focalizzarsi su obiettivi eccessivamente difficili, prendersi cura di sé.

Questi sono i principi ispiratori, risultati di un percorso personale.

Un percorso personale che può essere facilitato dalla pratica di esercizi mirati alla consapevolezza psicofisica come per esempio con la pratica del qi gong e della meditazione.

Autotrattamento per sostenere la propria energia in caso di paura persistente

La digitopressione ci può venire in aiuto. La scelta degli agopunti non può prescindere dalla valutazione del caso personale.

In ogni caso, in presenza di tendenza depressiva, apprensione, paura generalizzata, può essere per tutti utile:

  • nutrire e rafforzare il Qi del Rene con KI3 Taixi 
  • nutrire lo Yin e il Rene in generale con KI7 Fuliu

Se è presente anche grave ansia, palpitazioni, punta della lingua rossa (Fuoco del Cuore) è utile aggiungere anche i punti:

Nel video “La paura in medicina cinese” qui di seguito trovi tutte le spiegazioni sulla localizzazione e sul modo in cui stimolare questi agopunti.

——–

Approfondimenti:

In un video precedente ho parlato delle  emozioni dal punto di vista della medicina cinese.

Ho, inoltre, già parlato di altre emozioni come preoccupazione,  rabbia  ansia.


Per avvicinarti alla teoria della medicina cinese leggi il mio libro“Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi”

medicina cinese

Cosa sono le emozioni e da cosa dipendono secondo la medicina cinese

cosa sono le emozioni

Cosa sono le emozioni? In medicina cinese non esiste la possibilità di considerare un aspetto fisico prescindendo da quello psichico e viceversa.

Psiche e soma (mente e corpo) sono quindi aspetti di un’unica unità-Uomo.

Gli aspetti emozionali hanno corrispondenze fisiche negli organi (Zang).

Il rapporto è tra emozione ed organo ma anche, nel senso inverso, tra organo ed  emozione.

Cosa sono le emozioni? Da cosa dipendono?

In generale, le emozioni possono essere definite risposte fisiologiche agli stimoli del mondo esterno.

Per capire il punto di vista della medicina cinese partiamo dal presupposto che alla base della vita in medicina cinese c’è il concetto di Energia (Qi).

Il QI ed i suoi movimenti nell’uomo regolano ogni cosa:

  • gli aspetti più materiali e concreti legati alla fisiologia di organi e visceri
  • gli aspetti più “immateriali” ed impalpabili come, appunto, le emozioni.

Cinque emozioni secondo la medicina cinese

La medicina cinese individua cinque emozioni di base da cui derivano tutte le altre emozioni.

Queste cinque emozioni sono associate ai cinque Organi Zang in questo modo:

• la Rabbia corrisponde al Fegato
• la Gioia corrisponde al Cuore
• il Pensiero-preoccupazione corrisponde alla Milza
• la Tristezza corrisponde al Polmone
• la Paura corrisponde al Rene

Guarda il video seguente per approfondire i concetti principali di questa teoria e approfondisci gli altri temi della medicina cinese guardando gli altri video sul mio Canale YouTube.

ISCRIVITI AL MIO CANALE YOUTUBE! 

 


Per avvicinarti alla teoria della medicina cinese leggi il mio libro“Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi”

medicina cinese

 

Il rapporto corpo-mente nella medicina cinese

corpo-mente in medicina cinese

Per comprendere il modo in cui la medicina cinese considera la rapporto corpo-mente dobbiamo partire da un concetto base: il concetto di energia (qi).

Il Qi ed i suoi movimenti nell’uomo regolano ogni cosa: dagli aspetti più materiali e concreti legati alla fisiologia ed alla funzionalità degli Organi, agli aspetti più “immateriali” ed impalpabili come, per esempio, le emozioni.

Organi (corpo) ed emozioni (mente) hanno la stessa natura, anche se si manifestano ai nostri occhi in modo completamente diverso.

In particolare, il corpo e la mente sono, per la medicina cinese, livelli di aggregazione diversa della stessa energia (Qi) e sono in costante relazione tra loro.

Questo significa che una determinata condizione a livello fisico, per esempio a livello di Organi, si può manifestare a livello emozionale e viceversa: una condizione emozionale si può manifestare a livello fisico, nel corpo.

Precisiamo che quando parliamo di Organi in medicina cinese parliamo di qualcosa che supera l’Organo inteso in senso anatomico ed ha connessioni con vari distretti corporei, funzioni e, appunto, emozioni (se vuoi approfondire questo concetto ti consiglio di leggere il mio libro “Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi”).

Organi Zang ed emozioni

In Medicina Cinese si parla di 5 emozioni: rabbia, gioia, preoccupazione, tristezza e paura.

corpo-mente-in-medicina-cinese

Questi sono considerati “movimenti primari”, radice di tutti gli aspetti emozionali che popolano l’animo umano.

La medicina cinese individua un collegamento preciso tra ognuna di queste emozioni e gli Organi detti “Organi Zang”.

Per esempio, l’emozione della rabbia è connessa al Fegato. In tal senso il detto popolare “rodersi il fegato dalla rabbia” è quanto mai attuale anche nella tradizione cinese.

Altre connessioni emozione-Organo sono:

Tra Organo Zang ed emozione c’è una relazione biunivoca nel senso una data emozione – particolarmente intensa o protratta nel tempo – può influenzare la funzionalità energetica dell’Organo Zang corrispondente.

Allo stesso tempo, un deficit o un eccesso energetico a carico dell’Organo Zang  può avere manifestazioni emozionali secondo le corrispondenze viste sopra (e non solo).

Quando il corpo e la mente non sono insieme

Mente e corpo nascono insieme e vivono insieme.

Questo è il punto fermo di tutto il pensiero cinese e da cui prendono avvio pratiche millenarie volte, in un modo o nell’altro, ad armonizzare queste due dimensioni (si pensi anche solo al qi gong e al taijiquan).

corpo-mente

Nella nostra cultura questa unione è, di fatto, poco considerata nella quotidianità. Spesso ci troviamo a compiere azioni “avendo la testa altrove” ed è difficile, nella routine del vivere, mantenere la presenza mentale che consente di “vivere il momento” con consapevolezza.

Ciò conduce ad una sorta di “scollamento” tra soma e psiche,  ovvero tra corpo e mente e ad un senso di estraneità rispetto ad emozioni, sensazioni e stati d’animo.

Inoltre, lo stesso senso di estraneità si ha quando il corpo ha disturbi che non riusciamo a comprendere.

corpo-mente

Una tensione muscolare cronica al collo o alle spalle, una mascella serrata in modo involontario che ci causa dolore… sono tanti gli esempi in cui il corpo – ad un certo punto – sembra inviare un messaggio “dall’interno”.

Un messaggio che, però, a volte non riusciamo a comprendere da soli.

Su questo molti psicoterapeuti lavorano abitualmente avendo ormai chiaro il “potere della mente” nell’indurre disagi fisici (psicosomatica).

Lowen, con la sua bioenergetica, dedicò l’intera vita professionale allo studio di queste espressioni corporee e all’osservazione delle interrelazioni tra corpo e mente.

In sostanza, possiamo dire che quando corpo e mente non sono insieme possono sorgere disagi fisici e psichici.
La medicina cinese sostiene questo da migliaia di anni e propone pratiche finalizzate proprio a coltivare questo senso di unità.

Il qi gong è una di queste.


Per avvicinarti alla teoria della medicina cinese leggi il mio libro “Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi

medicina cinese