Calore e Fuoco di Stomaco in medicina cinese

Come sappiamo, in natura il calore ha la proprietà di consumare i liquidi.

Pensiamo ad un lago sotto il sole estivo o a qualsiasi altra fonte d’acqua che rischia di essere prosciugata quando il calore è troppo intenso e le piogge sono ridotte.

Altra caratteristica del calore è la tendenza a salire verso l’alto. La fiamma di una candela rende molto bene l’idea…

Dal macrocosmo al microcosmo

La medicina cinese ritiene che all’interno dell’organismo umano si verifichino gli stessi fenomeni caratteristici del mondo naturale. L’uomo è microcosmo nel macrocosmo e risponde delle stesse regole.

Si parla, quindi, in medicina cinese, di Calore, Freddo, Umidità, Secchezza, Vento… i patogeni che conosciamo come patogeni esterni hanno, in altri termini, una loro edizione anche “interna”, nel microcosmo uomo.

Parlando di Calore, uno dei visceri che maggiormente è coinvolto da questo patogeno interno è lo stomaco.

 

Lo stomaco in medicina cinese

Lo stomaco viene raffigurato in medicina cinese come un grande calderone in ebollizione.

calore di stomaco

Accoglie gli alimenti e li trasforma preparando il lavoro alla Milza che separerà ed estrarrà le essenze raffinate.

controlla la fermentazione e l’omogeneizzazione dei cibi e delle bevande” (Nan Jing, Classico delle Difficoltà, capitolo 31)

Lo stomaco è l’origine del Qi del cielo posteriore e la sua efficienza è fondamentale per il nostro benessere tanto che si dice che

i cinque organi ottengono tutti il qi dallo stomaco, e quindi lo stomaco è la radice dei cinque organi” (Suwen)

Se lo stomaco è forte abbastanza ed ha abbastanza Qi, ci si sente forti e pieni di energia, altrimenti, ci si sente stanchi e la persona soffre di debolezza muscolare (combinazione deficit Stomaco e Milza).

Lo stomaco controlla la discesa del Qi in quanto invia gli alimenti trasformati verso il basso (intestino tenue), supportato in questo dal Qi del Fegato.

Lo stomaco è l’origine dei liquidi organici. Lo stomaco necessita di liquidi in abbondanza per poter frammentare ed omogeneizzare i cibi. Questi liquidi derivano dai cibi e dalle bevande ingerite.

Lo stomaco, inoltre, assicura che la parte di cibi e bevande che non diventano essenza dei cibi si condensino e formino liquidi corporei.

Per questo lo stomaco è una importante “fonte dei liquidi” nel corpo e per questo si dice che “lo stomaco ama l’umidità e detesta la secchezza”.

 

Lo stomaco, il Calore e il Fuoco

Lo stomaco soffre spesso di sindromi da eccesso come Calore e, nei casi più gravi, Fuoco.

Sappiamo che il Calore in natura consuma i liquidi ed ha un’energia che tende verso l’alto.

Il Calore nello stomaco, asciuga i liquidi, ne impedisce la produzione e tende a risalire nel Meridiano dello stomaco dando manifestazioni in alto (per esempio gengive sanguinanti, ulcere in bocca…) e non solo (feci secche, sete intensa…).

Il Calore, con la sua tendenza verso l’alto, interferisce anche con la discesa del Qi di Stomaco causando nausea, rigurgiti acidi (il calore fa fermentare i liquidi nello stomaco), vomito…

 

Sintomi del Calore-Fuoco di stomaco

  • dolore urente all’epigastrio
  • rigurgiti acidi
  • nausea
  • fame eccessiva
  • alitosi
  • gengive sanguinanti
  • ulcere in bocca
  • feci secche
  • sensazione di calore
  • sete intensa
  • sudorazione profusa

 

Se è presente Fuoco di stomaco, ai sintomi visti sopra (che diventano più gravi) si aggiungono manifestazioni come:

  • sete con desiderio di bere liquidi freddi
  • irrequietezza mentale
  • gengive sanguinanti
  • bocca secca
  • ulcerazioni orali

 

Cause del Calore/Fuoco di stomaco

Tra i fattori che possono favorire il Calore/Fuoco di stomaco c’è, in primo luogo, lo stile dell’alimentazione in termini di ritmi, regolarità, condizioni e caratteristiche (Natura) del cibo consumato.

In linea generale lo stomaco preferisce cibi umidi e non troppo secchi (al contrario di Milza che preferisce invece l’opposto).

Buoni per stomaco, quindi, sono zuppe o porridge; dannosi a lungo andare – al contrario – sono, per esempio, i cibi cotti al forno (incluso il pane) o alla brace.

L’alimentazione dovrebbe, comunque, mantenersi equilibrata tra cibi di Natura calda e di Natura fredda. Infatti un eccesso di cibi di Natura calda può formare Calore nello stomaco, d’altro canto però, un eccesso di cibi di Natura fredda può “raffreddare” lo stomaco ed indebolirne la capacità di trasformare.

Oltre all’alimentazione, anche lo stress emotivo (rabbia, frustrazione, rancore…) tende a generare Calore interno che lede lo Stomaco. Quando le emozioni sono trattenute ciò può avere effetti particolarmente dannosi favorendo prima stasi e poi Calore/Fuoco.

calore di stomaco

In presenza di Calore-Fuoco di Stomaco, la dietetica cinese consiglia di evitare cibi riscaldati e favorire cibi rinfrescanti.

 

Alimenti da evitare in presenza di Calore-Fuoco di Stomaco

  • cibi caldi, piccanti e con tropismo per lo stomaco (cannella, pepe, peperoncino, zenzero secco e fresco, aglio crudo e agliacee in genere, alcolici, curcuma, senape, cumino, aceto…)
  • alcool
  • sostanze eccitanti come caffè, guaranà, ginseng
  • cotture Yang (grigliate, arrosti, affumicature)

 

Alimenti da favorire in presenza di Calore-Fuoco di stomaco

  • cibi di natura rinfrescante o capaci di purificare il calore di stomaco (grano saraceno, miglio, orzo, anatra, chiocciola di mare, granchio, tofu, latte di soia, latte vaccino, alghe marine, germogli di bambù e di soia, borragine, cavolo verza, catalogna, cavolo rosso, cetriolo, funghi champignon, cicoria di campo, insalata belga, songino, tarassaco, pomodoro, radicchio, ravanello, sedano, rucola, zucchina, kiwi, mela, fico, te verde…)
  • cibi crudi e bolliti
  • frutta e verdura consumati in modo regolare

 

Abitudini generali per il benessere dello Stomaco

Lo stomaco ama pasti regolari. E’ assai dannosa, per lo stomaco, l’abitudine a saltare un pasto o a mangiucchiare continuamente tra un pasto e l’altro. anche ridurre in modo eccessivo la quantità degli alimenti è dannosa per stomaco e per Milza ad essa associato inducendo un deficit stomaco-milza che conduce spesso, in modo apparentemente paradossale, al sovrappeso.

Anche gli orari in cui si mangia sono importanti (vedi il mio articolo sugli orari di flusso energetico) e, in linea generale, va ridotto il cibo assunto la sera.

Il pasto dovrebbe essere assunto in condizioni di tranquillità, evitando di fare altre cose in contemporanea (leggere, parlare, telefonare, muoversi o stare in piedi).

Anche le condizioni emotive possono incidere nella qualità del pasto in quanto può causare ristagno del Qi di stomaco con sintomi di difficoltà a digerire (preoccupazione) o la sua ribellione con sintomi di nausea (rabbia).

 


Leggi il mio libro:

“L’energia vitale. Le sue espressioni e le sue trasformazioni.
I consigli della medicina cinese
per il tuo benessere quotidiano”

Formato cartaceo 

https://amzn.to/2JBI7pN

Formato ebook

https://amzn.to/2JHlVua 

Ridurre la nausea con la digitopressione

ridurre nausea con digitopressione

La nausea è un disturbo piuttosto frequente. Di per se non è un disturbo grave, ma certamente è molto fastidioso.

Intanto chiariamo subito che la nausea è un sintomo, non una malattia.

Si tratta di un malessere indefinito che riguarda la parte superiore dello stomaco, spesso associato ad un senso di vomito.

ridurre-nausea-con-digitopressione

Anche se in genere si tratta di un sintomo sopportabile, è bene non ignorarlo ma considerare che è un segnale, un campanello di allarme che ci dice che c’è qualcosa che non va.

Prima di preoccuparti quindi di trovare il rimedio per far passare la nausea, cerca di capire qual è la sua causa e parlane con il medico se occorre.

Da cosa dipende la nausea?

In medicina occidentale le cause della nausea possono essere diverse. Da problemi a livello del sistema nervoso o dei centri dell’equilibrio dell’orecchio interno a problemi dell’apparato gastrointestinale.

E’ il caso di preoccuparci se la nausea si associa ad altri sintomi come un forte dolore addominale, forte debolezza, vomito con sangue, febbre alta, stato di confusione o anche a seguito di un trauma alla testa.

In situazioni come queste è necessario rivolgersi subito ad un medico.

Negli altri casi, la nausea è un sintomo tipico in situazioni anche comuni come per esempio:

  • il mal d’auto o mal di mare
  • condizioni di stress e tensione emotiva (ansia, rabbia…)
  • sostanze farmacologiche (effetti collaterali)
  • condizioni ormonali (nelle donne è nota la nausea in gravidanza e la nausea durante le mestruazioni)

ridurre-nausea-con-digitopressione

Nausea in medicina cinese

La nausea in medicina cinese è un sintomo di energia (Qi) ribelle dello stomaco.

In sostanza, lo stomaco per la sua natura ha la funzione di inviare il bolo alimentare verso il basso (verso l’intestino). La nausea segnala che questo invio verso il basso non sta avvenendo.

Quando abbiamo nausea significa che l’energia dello stomaco non sta scendendo come dovrebbe ma, al contrario, sta salendo verso l’alto (Qi ribelle di stomaco) in modo più o meno grave, fino ad arrivare anche al vomito.

Eccesso o deficit?

Le cause della nausea in medicina cinese sono diverse e possono essere collegate a eccesso o deficit (pieno o vuoto):

  • situazioni di Eccesso (come Calore o Freddo dello stomaco)
  • situazioni di Deficit (come un Deficit di Yin dello stomaco).

Per differenziare tra le due situazioni è necessaria la valutazione energetica da parte di un medico-operatore di medicina cinese.

In linea generale però si può considerare che :

  • in condizioni di Eccesso, il Qi si ribella attivamente con sintomi a volte violenti (vomito)
  • in condizioni di Deficit, invece, esso smette di scendere (nausea blanda e prolungata)

Cosa fare in caso di nausea?

Per quanto si tratti di un sintomo quasi mai urgente, la nausea può rendere la vita difficile.

Vediamo i possibili rimedi per affrontare la nausea in medicina cinese, in particolare con alimentazione e digitopressione.

Alimentazione

Alcuni facili rimedi possono derivare dall’alimentazione.

Intanto è il caso di seguire alcune regole base:

  • evitare di bere caffè, te e alcolici,
  • cercare di non riempire eccessivamente lo stomaco
  • mangiare cibi facilmente digeribili

Un rimedio naturale per ridurre la nausea e molto caro alla dietetica cinese è lo zenzero.

ridurre-nausea-con-digitopressione

In assenza di bruciori allo stomaco, un decotto di zenzero fresco può essere di aiuto e può essere preparato facilmente facendo sobbollire per 5 minuti un pezzetto di questo rizoma nell’acqua.

Digitopressione 

La digitopressione può venirci in grande aiuto in presenza di nausea.

Di seguito ti illustro alcuni punti energetici che puoi stimolare in caso di necessità.

Agopunto PC6 NEIGUAN

ridurre-nausea-con-digitopressione

Un agopunto molto efficace per fermare la nausea è collocato sul Meridiano del Pericardio. Si chiama PC6 Neiguan (barriera interna).

Per localizzarlo basta porre tre dita in linea con la linea del polso. Il punto si trova sotto al terzo dito, al centro, tra i tendini.

ridurre-nausea-con-digitopressioneLa stimolazione di questo agopunto è molto semplice e può essere fatta con il pollice, cercando di “entrare” un po’ tra i tendini. L’ideale quindi è utilizzare la parte più vicina alla punta del pollice (apice del polpastrello).

Possiamo stimolare il punto con delle pressioni semplici ripetute (premo-lascio) oppure con una pressione rotatoria.

L’efficacia di questo agopunto lo ha reso noto anche al di fuori degli ambienti della medicina cinese. Se cerchi una stimolazione ancora più comoda, infatti, puoi trovare facilmente anche on line pratici polsini antinausea.

Questi polsini (noti con il nome P6 nausea control), una volta indossati come fossero polsini da tennista, assicurano un effetto simile a quello della digitopressione.

Io ho provato personalmente questi polsini su mia figlia, quando era molto piccola (esistono, infatti, anche polsini antinausea pediatrici).

Soffriva, infatti, terribilmente di mal d’auto e ogni spostamento era una sofferenza. Mi sono stati di grandissimo aiuto e mi sento di consigliarli.

L’importante è indossare correttamente i polsini prestando attenzione a dove si colloca il “bottone” per la stimolazione dell’agopunto.

In tutti i casi, la stimolazione di PC6 sarà molto utile per ridurre la nausea, qualunque sia il motivo che l’ha causata.

Alla fine di questo articolo troverai un video dimostrativo tratto dal mio Canale YouTube, ma per il momento ti consiglio di continuare a leggere perché c’è un altro punto che può tornare utile per risolvere la nausea ed è collocato sull’orecchio.

Un punto sull’orecchio per fermare nausea e vomito

Un altro punto che possiamo stimolare per ridurre il senso di nausea si trova sull’orecchio, nella zona dell’antitrago, ed è quello indicato nella foto con il punto rosso.

ridurre-nausea-con-digitopressione

Nell’auricoloterapia questo punto ha il nome di Zhen-AT3 (occipite) e viene stimolato con piccoli aghi oppure con piccoli semi tondi (semi di vaccaria) applicati tramite cerotti.

Al di là di questa applicazione professionale, avremo sollievo a stimolare questo punto anche in autotrattamento, utilizzando semplicemente le dita premendo l’area tra indice e pollice o massaggiando a lungo la zona utilizzando le dita.

Questo punto, oltre a fermare nausea e vomito, ha azione anche su altre manifestazioni che in medicina cinese sono associate al cosiddetto “vento interno”, ovvero:

  • eccitazione
  • alcuni tipi di tosse e asma
  • prurito
  • alcuni tipi di problemi agli occhi
  • alcuni tipi di cefalea e di problemi cervicali

Guarda il video “nausea stop con la digitopressione” sul mio canale YouTube!

© Laura Vanni 2018



Per avvicinarti alla teoria della medicina cinese leggi il mio libro“Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi”

medicina cinese


Avvertenza

La medicina cinese non è una pratica sanitaria. I disturbi citati nei miei articoli vengono considerati esclusivamente da un punto di vista energetico. I trattamenti eventualmente indicati si intendono come trattamenti energetici per favorire il riequilibrio dell’organismo e il benessere generale della persona a 360 gradi. Le indicazioni in termini di alimentazione vanno intese nell’accezione energetica della medicina cinese. Le sequenze di autotrattamento eventualmente  illustrate NON devono intese come terapia di cura, per la quale dovete rivolgervi al medico.