Miglio e radicchio con semi di sesamo bianco. Una ricetta con benefiche virtù

La medicina cinese considera il cibo come un vero e proprio “farmaco”. Classifica gli alimenti in base alle loro caratteristiche energetiche e li combina tra loro in modo da ottenere ricette in grado di stimolare l’energia dell’individuo riequilibrandola.

La ricetta che analizziamo in questo articolo mette insieme due alimenti dalle caratteristiche energetiche in un certo senso complementari in grado di potenziarsi l’una con l’altra: miglio e radicchio con semi di sesamo bianco.

La ricetta è molto semplice.

Consiste nel lessare il miglio e, nel frattempo, soffocare per pochi minuti in una padella con acqua e poco olio extravergine d’oliva il radicchio tagliato a striscioline con l’aggiunta, se gradita, di poca cipolla.

Una volta cotto il miglio, aggiungerlo nella padella con il radicchio amalgamando il tutto ed impiattare.

Una volta nel piatto, aggiungere una spolverata di semi di sesamo bianco. Questi hanno natura fresca e sapore dolce, nutrono e sostengono il Sangue, lo Yin e i Liquidi organici.

Vediamo ora nei dettagli le proprietà del miglio e del radicchio per comprendere più chiaramente la loro azione combinata.

Il miglio

Il miglio viene spesso identificato come mangime per uccelli. In realtà ha ottime proprietà dal punto di vista energetico ed ha una tradizione antica anche sulle nostre tavole.

Pare che il miglio sia stato addirittura il primo cereale ad essere coltivato diverse migliaia di anni fa in Cina e in Europa.

Non contiene glutine.

Caratteristiche energetiche del miglio

La dietetica cinese classifica le caratteristiche energetiche del miglio, così come degli altri alimenti, in base tre parametri principali che sono il Sapore, la Natura e il Tropismo.

Con riferimento a questi tre aspetti, il miglio si definisce per:

L’azione del miglio sulla nostra energia è molto ampia e articolata.

Il miglio, innanzitutto, armonizza il jiao Medio (sistema digestivo).

In particolare, dirige il qi ribelle verso il basso ed è indicato, quindi, in presenza di nausea, vomito, assenza di voglia di mangiare.

Tonifica Milza-pancreas e il Rene ed è quindi indicato anche nei periodi di convalescenza da malattie debilitanti.

Trasforma l’Umidità interna ed ha proprietà diuretiche, aspetti che lo rendono estremamente utile in presenza di disuria e ritenzione di liquidi.

L’azione sull’Umidità, combinata alla sua natura fresca e alla capacità di ridurre il Calore patogeno, rendono il consumo di miglio estremamente indicato in presenza anche di Calore in vescica (minzione urente) e candidosi. La sua azione di eliminazione del Calore in eccesso dallo Stomaco lo rende utile in presenza di afte, sete e bocca secca.

 

Radicchio rosso

Il radicchio noto a noi oggi deriva da una varietà spontanea che affonda le sue radici nella storia greca e romana, nonché nella nostra tradizione contadina.

Per quanto esistano lievi differenze tra le diverse varietà di radicchio, il sapore di questo vegetale è per definizione amaro e questo lo rende particolarmente attivo nel purificare il Calore.

Questa azione è particolarmente spiccata nel radicchio di Treviso, più amarognolo, di meno nel radicchio di Verona, più dolce.

Caratteristiche energetiche del radicchio

Le proprietà del radicchio lo rendono ideale per purificare il Calore con azione anche dissolvente sui Tan.

Ciò lo rende particolarmente indicato in presenza di catarri densi, per es. in presenza di tosse con catarri densi difficili da espettorare.

Proprietà generali della ricetta dal punto di vista energetico

Le caratteristiche energetiche degli ingredienti principali di questa ricetta (il miglio e il radicchio) la rendono potenzialmente molto utile nel periodo invernale, in presenza di tosse con catarri gialli e densi che ostruiscono il polmone (Tan).
Molto utile anche in presenza di Umidità o Umidità-Calore nel jiao inferiore, la quale si manifesta spesso, per esempio, con  candidosi cistiti.

Questa ricetta può essere utile, indipendentemente dalla stagione, anche in presenza di Calore in eccesso a livello dello Stomaco. Questo si può manifestare con disturbi digestivi oltre che, per esempio, con afte, alitosi e nausea.

Al di là delle indicazioni energetiche che ci offre la medicina cinese, questa ricetta può entrare comunemente nella nostra cucina in quanto di veloce preparazione e, dal punto di vista occidentale, con documentate proprietà toniche, nutritive e rimineralizzanti.

Vuoi avvicinarti alla medicina cinese nella teoria e nella pratica?
Scopri il corso online
“PROTAGONISTA DEL TUO BENESSERE”
 

Corso online medicina cinese
 Corso amatoriale. Non sono necessarie conoscenze di base in medicina cinese

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: