Il Polmone e il respiro

il Polmone è l’origine del respiro

La respirazione è la funzione prioritaria associata al Polmone.

Secondo la medicina cinese, in ogni atto respiratorio il Polmone consente di acquisireQi puro atmosferico” (che servirà poi per costruire la nostra Energia) e di espellereQi torbido”, non più utilizzabile e anzi ormai dannoso per l’organismo.

Grazie a questa funzione, il Polmone regola i movimenti del Qi di tutto l’organismo ed assume in sé il titolo di “Maestro del Qi“.

polmone e respiro

Il respiro. Aspetti simbolici

E’ ormai comunemente accettato che il ritmo e le caratteristiche del respiro possono dipendere sia da fattori legati alla fisiologia dell’organo Polmone, sia da fattori psicologici, connessi a determinati vissuti emozionali.

Da un punto di vista simbolico possiamo considerare che durante l’inspirazione assorbiamo l’energia dell’ambiente circostante (vivere l’attimo presente).

Se ciò che è intorno a noi “non ci piace” si può creare una resistenza e una costrizione a livello del petto e si può modificare il ritmo respiratorio in modo spesso inconsapevole.

Il respiro sarà corto e superficiale e porterà meno energia al nostro organismo.

Allo stesso tempo, l’espirazione può essere condizionata sulle proprie condizioni emotive. Se ci si sente stressati, impauriti e tesi, difficilmente si riuscirà a “lasciar andare” il respiro in modo completo e incondizionato.

Tutto ciò conduce generalmente ed inconsapevolmente ad apnee involontarie, incapacità di inspirare profondamente e, altrettanto, di espirare.

Respiro ed energia

Il Polmone è, in medicina cinese,  il luogo principale per la formazione dell’energia del “cielo posteriore”, grazie all’energia atmosferica acquisita proprio con il respiro e grazie al contributo di Milza che gli invia l’energia estratta dagli alimenti.

Un respiro ridotto e superficiale, nel tempo diminuisce quindi la capacità del Polmone di di generare energia ed incide sul nostro complessivo equilibrio energetico.

Gli organi in medicina cinese hanno una diretta connessione con l’aspetto psichico ed emozionale.

Un respiro ridotto potrà generare nel tempo un sentimento di tristezza (emozione associata al Polmone), con progressiva postura “chiusa”, in particolare con chiusura delle spalle e del torace.

polmone e respiro

Sarà probabilmente compromessa la capacità di godere la vita (inspirazione) e lasciar andare quello che non è buono per noi (espirazione).

Potranno, infine, esserci anche altre manifestazioni, in quanto il Polmone svolge, secondo la medicina cinese, altre importanti funzioni meno visibili.

Si potrà, per esempio, avere la pelle molto secca (manca la diffusione del Qi e dei fluidi verso la pelle), problemi urinari o anche intestinali come la stipsi.

In medicina cinese, infatti, Polmone e Intestino crasso sonno connessi ed il Polmone ha un importante ruolo nel favorire il transito e lo svuotamento dell’intestino.

© Laura Vanni 2018


Per avvicinarti alla teoria della medicina cinese leggi il mio libro“Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi”

libro medicina cinese

medicina cinese


 

Come cambia il nostro organismo ogni 7 anni

La medicina cinese afferma da migliaia di anni che la nostra energia si rinnova con cicli di sette anni per le donne e di otto anni per gli uomini.

come cambia il nostro organismo

Questo principio viene oggi confermato dalla moderna biologia secondo la quale il nostro organismo rinnova completamente le sue cellule (ad eccezione di quelle del sistema nervoso centrale) con un ritmo proprio di sette anni circa.

Allo scadere di ogni settimo anno, quindi, possiamo dire che il nostro corpo fisico non è più lo stesso ma è “ricostruito” con i mattoni che gli avremo saputo fornire grazie all’alimentazione, alle abitudini di vita e – non ultimo – al nostro vissuto emozionale.

Inoltre, secondo la medicina cinese, ogni sette anni la donna (e ogni otto anni l’uomo) vive profondi cambiamenti fisici e psichici legati anche all’inevitabilmente invecchiamento.

Rispetto a questi cambiamenti fisiologici, nei classici viene descritto il processo che trasforma una bambina di 7 anni (una volta sette) in una donna di 49 (sette volte sette).

Come cambia il nostro organismo ogni 7 anni?

Si tratta di un processo che conduce dalla pubertà (menarca) alla senescenza (menopausa):

“(…) a sette anni le bambine manifestano la vitalità dell’energia del Rene e capelli e denti hanno il loro pieno sviluppo,

all’età di 14 anni (due volte sette) la fecondità sopraggiunge (compaiono i mestrui) e vi è grande prosperità;

a 21 anni (tre volte sette) l’energia dei Reni è pienamente matura, spuntano i denti del giudizio;

a 28 anni (quattro volte sette) ossa e muscoli sono sodi, i capelli al massimo della loro crescita, il corpo e ben sviluppato e robusto;

a 35 anni (cinque volte sette), l’energia digestiva inizia ad indebolirsi e questo indebolisce l’energia intera, sul viso iniziano a comparire rughe, i capelli iniziano ad indebolirsi;

a 42 anni (sei volte sette) l’energia diminuisce nella parte superiore del corpo (meridiani Yang), il viso tende ad asciugarsi e i capelli ad ingrigire;

a 49 anni (sette volte sette) l’energia legata alla capacità di procreare declina, la fecondità è esaurita (menopausa) (…)”

Con le dovute variazioni, la stessa cosa vale per i rappresentanti di sesso maschile.

Il cambiamento fisico e spirituale

cambiamento organismo

Ogni ciclo di sette anni, quindi, ci cambia profondamente
dal punto di vista fisico.

Ci cambia, però anche da un punto di vista emotivo e spirituale

Fasi della vita

Nella vita si attraversano fasi molto diverse:

  • l’immaturità dell’infanzia, in cui l’energia è instabile e dinamica ed è massima la concentrazione su se stessi
  • la maturità e massima energia dell’età adulta, momento ideale per la procreazione (massima attenzione alla vita di relazione)
  • l’età – infine – dell’invecchiamento, caratterizzata da un’energia più profonda e stabile. Questa è la fase in cui trova più facilmente spazio la riflessione spirituale, la consapevolezza e il ritorno a se stessi.

Ciascuna fase della vita ha un ruolo importante nell’evoluzione umana fisica e mentale.

Migliorare la qualità della nostra vita e del nostro invecchiamento

La vita prevede un ineluttabile percorso di trasformazione le cui caratteristiche dipendono anche da fattori su cui possiamo agire, migliorando molto la nostra qualità della vita.

Questi fattori secondo la medicina cinese sono: l’alimentazione, la respirazione, le abitudini di vita e, non ultimo, il nostro vissuto emozionale.

E’ possibile, inoltre, intervenire sulla propria energia stimolandola grazie al qi gong, alle ginnastiche mediche cinesi, al massaggio tuina e all’agopuntura: tutte pratiche che fanno parte della medicina cinese e che hanno il comune obiettivo di aiutare l’uomo a “coltivare e nutrire la vita”.

Tutto questo ha un ruolo determinante per costituire, in ogni momento della nostra vita, quello che i cinesi chiamano “energia del cielo posteriore”.

L’energia del cielo posteriore è l’energia successiva alla nascita; quella che ci costruiamo “mattone dopo mattone” a partire dalle nostre scelte di vita, indipendentemente dal contributo genetico che avremo avuto la fortuna di ricevere dai nostri genitori.


Per avvicinarti alla teoria della medicina cinese leggi il mio libro “Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi”

libro medicina cinese

Abbassare la febbre ai bambini con il tuina pediatrico

tuina pediatrico

Il tuina pediatrico mi è stato di grande aiuto quando mia figlia (oggi tredicenne) era molto piccola.

Dopo il compimento dell’anno, infatti, ha iniziato ad ammalarsi molto spesso, con mal di gola, disturbi allo stomaco e febbre molto alta.

Del resto sarà esperienza di molte mamme  il fatto che quando un bambino ha febbre non si limita ad un po’ di alterazione: arriva subito a temperature vicine ai 40 gradi!

Per l’esperienza che ho avuto come mamma e per le esperienze accumulate negli anni con altri bambini e genitori in qualità di operatore tuina, non perdo mai occasione di promuovere e divulgare la pratica del tuina pediatrico, anche in collaborazione con pediatri e medici di base.

L’energia dei bambini. “Puro Yang”

L’energia dei bambini è forte e vigorosa e risponde con energia ai patogeni.

Questo è uno dei motivi principali per cui la febbre è spesso molto alta: la loro reazione è forte, e questo è un aspetto indubbiamente positivo.

I cinesi dicono del bambino che è “puro yang“.

E’, in altri termini, espressione dell’aspetto più dinamico, reattivo e vitale dell’energia.

tuina pediatrico

Il bambino e la sua reazione ai patogeni esterni secondo la medicina cinese

La reazione di un bambino rispetto all’aggressione di un patogeno esterno (incluso un virus) è molto più aggressiva rispetto a quella che ci si può aspettare, per esempio, da un anziano.

In queste situazioni spesso si resta sgomenti e un po’ impauriti.

Indubbiamente è necessario tenere sotto controllo la febbre per evitare conseguenze spiacevoli anche se non gravi (per esempio le convulsioni febbrili).

Per questo ogni volta che il bambino ha febbre è necessario rivolgersi al pediatra, tanto più se la febbre è alta.  

Nell’attesa che l’episodio di febbre faccia il suo corso o, comunque, per aiutare il bambino a sfebbrare, è possibile ricorrere a tecniche di tuina pediatrico  utili per “raffreddare” e, soprattutto, aiutare il bambino ad espellere il patogeno.

Il tuina pediatrico

Il tuina pediatrico è una pratica molto antica appartenente alla medicina cinese ed è una versione specifica del massaggio tuina.

La sua esecuzione è molto diversa dal massaggio tuina utilizzato per gli adulti per due motivi principali:

  • in primo luogo, i bambini hanno un sistema energetico ancora immaturo e i loro Meridiani hanno una diversa distribuzione rispetto a quella che avranno quando saranno adulti. Molte aree energetiche importanti sono, per esempio, localizzate alle mani, all’avambraccio e sulla testa
  • in secondo luogo, le caratteristiche  di grande vitalità dell’energia dei bambini richiedono un approccio più “vivace” e veloce rispetto a quello generalmente utilizzato nel tuina adulti

tuina pediatrico

Tecniche di tuina pediatrico per abbassare la febbre

Le tecniche di tuina pediatrico per abbassare la febbre sono di diverso tipo.

Una delle più diffuse e suggestive è la tecnica detta “battere il cavallo per attraversare il fiume dell’acqua celeste“.

Questa tecnica consiste in una serie di movimenti da compiere sulla mano e sull’avambraccio del bambino utilizzando anche poca acqua con cui inumidire e “rinfrescare” l’avambraccio del bambino.

Battere il cavallo per attraversare il fiume dell’acqua celeste

Battere il cavallo per attraversare il fiume dell’acqua celeste (DA MA GUO TIAN HE) è una delle tecniche del  Tuina pediatrico da utilizzare in caso di febbre anche molto alta.

febbre bambini

E’ una tecnica di tipo misto, ovvero utilizza tecniche e punti diversi: si pratica sulla mano e sulla parte interna dell’avambraccio del bambino stimolando le diverse aree con spinta lineare, spinta curvilinea, picchettamento o lieve percussione con le dita.

Il nome della tecnica è molto suggestivo e in un certo senso l’esecuzione della tecnica ricorda proprio il galoppo di un cavallo che, in questo caso, corre dal polso al gomito, in parte facendosi strada nell’acqua (l’avambraccio del bambino viene infatti anche bagnato).

Invito ai genitori

La medicina cinese offre molte possibilità per favorire il benessere dei nostri bambini. Io ne ho avuto esperienza come mamma prima ancora che come operatore e sono sempre pronta a divulgare questa pratica.

E’ possibile imparare semplici ed efficaci tecniche di tuina pediatrico per genitori nell’ambito dei seminari che di tanto in tanto organizzo oppure privatamente, con il proprio bambino.

Contattami se sei interessato ad organizzare un corso o seminario in un luogo a tua scelta pubblico o privato (associazione, asilo nido, consultorio…)

NB: Il trattamento di Tuina pediatrico da parte del genitore non sostituisce l’intervento del pediatra il quale deve essere sempre consultato nel caso in cui il bambino abbia febbre alta.


Avvertenza

La medicina cinese non è una pratica sanitaria. I disturbi citati nei miei articoli vengono considerati esclusivamente da un punto di vista energetico. I trattamenti eventualmente indicati si intendono come trattamenti energetici per favorire il riequilibrio dell’organismo e il benessere generale della persona a 360 gradi. Le indicazioni in termini di alimentazione vanno intese nell’accezione energetica della medicina cinese. Le sequenze di autotrattamento eventualmente  illustrate NON devono intese come terapia di cura, per la quale dovete rivolgervi al medico.



Per avvicinarti alla teoria della medicina cinese leggi il mio libro“Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi”

medicina cinese

Tuina pediatrico per genitori

tuina pediatrico per genitori

Che cos’è il tuina pediatrico

Il tuina pediatrico è una specializzazione del tuina ed è adatto per il trattamento energetico dei bambini dalla nascita fino a 7-10 anni.

Secondo la medicina cinese, infatti fino circa 10 anni il sistema energetico del bambino non è maturo e non ha la caratteristica distribuzione dei Meridiani.

Si sviluppa, piuttosto, in aree circoscritte del corpo, in gran parte localizzate sulle mani e sulle braccia.

tuina pediatrico per genitori

Una volta adulto, si diffonderà lungo il corpo e gli arti secondo i percorsi dalla testa ai piedi e viceversa.

tuina pediatrico per genitori

Le tecniche di tuina pediatrico

Le tecniche di tuina pediatrico sono piuttosto veloci e semplici da apprendere. Sono, inoltre, estremamente efficaci e per questo non perdo mai occasione di invitare i genitori a provare questo approccio per prendersi cura del benessere dei propri bambini in prima persona.

Il tuina pediatrico sarà una “coccola” quotidiana per vostro figlio.

Potrà regalargli il piacere e l’intimità del contatto con voi, ma anche – soprattutto – benessere in risposta a quelli che possono essere i piccoli disturbi più diffusi.

La stimolazione di determinati punti aiuta il bambino a rilassarsi e a dormire, rinforza le sue difese, aiuta in caso di febbre, raffreddore, mal di pancia consentendo di ricorrere sempre meno ai farmaci.

Seminari di tuina pediatrico per genitori

Periodicamente organizzo seminari di tuina pediatrico per genitori.

Se sei interessato a prenotarti per il prossimo seminario oppure vuoi realizzarne uno nel tuo centro o associazione contattami.

Questo è il programma tipico dei seminari che ho tenuto fino a oggi:

Contenuti:

  • lo sviluppo energetico del bambino (cenni)
  • tecniche e modalità generali del tuina pediatrico
  • i punti/aree principali e la loro azione
  • sequenze di trattamento per disagi specifici
    • irrequietezza, difficoltà ad addormentarsi
    • febbre
    • tosse, raffreddore
    • mal di pancia
    • stipsi-diarrea
    • rinforzare la difesa (quando il bambino si ammala spesso)

La partecipazione al seminario è estesa preferibilmente alla coppia genitoriale e/o alle figure di riferimento (nonni o altre figure che si prendono abitualmente cura del bambino).

E’, inoltre, preferibile la partecipazione assieme al bambino in quanto è utile fare una valutazione energetica, in modo da poter eventualmente mettere a punto una sequenza di trattamento specifica sulle esigenze del bambino.

Attenzione

il Tuina pediatrico non rappresenta un trattamento medico sanitario. Il trattamento di Tuina pediatrico non sostituisce l’intervento del pediatra il quale deve essere sempre consultato nel caso in cui il bambino mostri problemi di salute



Avvertenza

La medicina cinese non è una pratica sanitaria. I disturbi citati nei miei articoli vengono considerati esclusivamente da un punto di vista energetico. I trattamenti eventualmente indicati si intendono come trattamenti energetici per favorire il riequilibrio dell’organismo e il benessere generale della persona a 360 gradi. Le indicazioni in termini di alimentazione vanno intese nell’accezione energetica della medicina cinese. Le sequenze di autotrattamento eventualmente  illustrate NON devono intese come terapia di cura, per la quale dovete rivolgervi al medico

L’energia del Legno e il movimento

Il movimento è la tipica espressione dell’energia del Legno

Il movimento consente, infatti, al Legno di esprimere la sua energia vitale più autentica ed esuberante, evitando costrizioni e compressioni tanto nemiche di questo Elemento.

Libertà di spostarsi, di andare, di cambiare direzione in senso stretto (cambiare luogo) e in senso metaforico (andare nel mondo, cambiare direzione nella vita).

Camminare velocemente, correre… sono le modalità più amate da questo elemento.

Consentono di mantenere fluidità ed armonia nei movimenti del Qi e del Sangue,scongiurandone la stasi.

Per ottenere questo risultato, il movimento deve avere determinate caratteristiche di armonia.

Il movimento non è tutto uguale

Il movimento non è tutto uguale. Diversi tipi di movimento imprimono alla nostra energia una “spinta” diversa.

Un movimento equilibrato e coerente è tipico, per restare in ambito cinese, della pratica del taijiquan Questo tipo di movimento è in grado di muovere la nostra energia in modo armonico.

Diversamente avviene quando il movimento è convulso e  spasmodico, come a volte avviene quando si è presi dagli impegni quotidiani e si “corre” da una parte all’altra.

Movimento come espressione di  sé

energia del legno

Vedere questo cane correre mi ha fatto sorridere e mi ha fatto pensare a quanto sembri concentrato sul piacere di correre, incurante di quanto risulti buffo (ma anche bello!) a guardarsi.

Il suo correre è espressione di piacere e di gioia.

Non è cercare di raggiungere in fretta un luogo per fare qualcosa di urgente. E’ invece espressione della sua natura animale e della sua energia di quell’esatto momento.

Non ci sono condizionamenti esterni in questo gesto. C’è espressione di sé. E questa è la premessa  ideale per mantenere in equilibrio l’energia del Legno.



Per avvicinarti alla teoria della medicina cinese leggi il mio libro“Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi”

medicina cinese


Avvertenza

La medicina cinese non è una pratica sanitaria. I disturbi citati nei miei articoli vengono considerati esclusivamente da un punto di vista energetico. I trattamenti eventualmente indicati si intendono come trattamenti energetici per favorire il riequilibrio dell’organismo e il benessere generale della persona a 360 gradi. Le indicazioni in termini di alimentazione vanno intese nell’accezione energetica della medicina cinese. Le sequenze di autotrattamento eventualmente  illustrate NON devono intese come terapia di cura, per la quale dovete rivolgervi al medico.

ST36 Zusanli: un punto per il benessere

ST36 Zusanli

ST36 Zusanli  è uno degli agopunti più famosi e, in assoluto, uno degli agopunti più importanti ed efficaci dell’agopuntura cinese, con un campo di applicazione molto ampio.

Cosa significa Zusanli. Le origini del nome

Il suo nome cinese Zusanli significa “Tre distanze sulla gamba”.

In particolare, il termine “Zu” (arto inferiore) si riferisce al fatto che il punto è localizzato sulla gamba, sulla porzione del Meridiano Yang Ming dello Stomaco (ST) che decorre fino al piede.

La seconda parte del nome, “San Li”, indica il numero tre (San) e l’unità cinese utilizzata per la misurazione delle distanza (Li).

Tre distanze sotto il ginocchio

San Li Indica, quindi, che il punto ST36 Zusanli si trova tre distanze, ovvero tre cun (tsun), sotto il ginocchio (circa quattro dita traverse sotto la rotula).

ST36 Zusanli

Come spesso accade per i punti punti di agopuntura, anche nel caso di ST36 Zusanli il nome cinese racchiude molti concetti che vanno oltre la traduzione letterale dell’ideogramma e che si riferiscono, invece, alla sua azione energetica.

Recupero muscolare delle gambe

Oltre all’accezione più semplice riferita alla localizzazione del punto, infatti, il nome Zusanli ci ricorda anche la sua potente azione nel recupero muscolare delle gambe (Zu).

Sono, del resto, molte le fonti che riferiscono l’abitudine degli antichi viaggiatori cinesi ad autotrattarlo regolarmente per recuperare la fatica muscolare delle gambe.

Alcuni autori sottolineano che il nome Zusanli potrebbe riferirsi anche all’uso di questo punto per correre più a lungo e più lontano di “tre distanze” durante le staffette cinesi per recapitare i dispacci.

Si dice, inoltre, che anticamente gli eserciti facessero una sosta ogni 3 miglia (circa 5 chilometri) durante gli spostamenti delle truppe a marce forzate per rifocillarsi e trattare questo importante agopunto con il tuina oltre che con l’applicazione di calore tramite moxibustione.

Questi riferimenti si trovano non solo nella letteratura cinese, ma anche in quella giapponese.

Leggiamo, per esempio, nel diario di Matsuo Basho Haiku (1689):

“(…) ho cucito una parte della mia biancheria strappata. Ho cambiato le corde del mio cappello. Ho bruciato con la moxa il mio Stomaco 36. La mia mente è ora totalmente occupata con la luna sulle isole Matsushima (…)”.

ST36 Zusanli

ST36 Zusanli. Agopunto per nutrire il Sangue e tonificare l’energia vitale

La stimolazione dell’agopunto ST36 Zusanli  è indicata principalmente per:

  • nutrire il “sistema Terra” (stomaco-Milza)
  • tonificare il Sangue (Xue)
  • tonificare l’energia (Qi) in modo profondo

ST36 Zusanli aumenta la resistenza agli attacchi dei patogeni esterni (anche per il rafforzamento delle difese immunitarie e in prevenzione dei contagi da virus).

Regolarizza gli intestini (soprattutto nelle stipsi da deficit) e tratta, non ultimo, le sindromi Bi dolorose del ginocchio e del polso.

Fortifica, inoltre, il corpo e lo Shen delle persone debilitate e nelle malattie “consuntive”, sostenendo l’energia in caso di insonnia, ansia e così via.

Le indicazioni di utilizzo di ST36 Zusanli sono così ampie, varie e – nel contempo – profonde da far sembrare questo punto una sorta di “panacea”.

L’azione di questo agopunto è talmente importante che Li Dong Yuan, uno dei più influenti ed illustri medici del periodo della dinastia Jin-Yuan (XIII secolo), sviluppò uno stile di trattamento basato proprio sulla stimolazione di questo punto in combinazione con altri.

In particolare, l’approccio di Li Dong Yuan (noto come Scuola della Terra) si fonda sulle energie di stomaco e Milza, ritenute dalla Medicina Cinese la base della corretta produzione del Qi post natale (elemento Terra) e, pertanto, capaci di sostenere l’organismo in tutte le sue condizioni patologiche.

Digitopressione su ST36 Zusanli

La stimolazione di ST 36 è una pratica quotidiana sempre consigliata in autotrattamento con digitopressione.

E’ spesso praticata anche dall’operatore professionale tuina nell’ambito di più ampi trattamenti energetici per la tonificazione dell’energia vitale.

ST36 Zusanli

Moxibustione su ST36 Zusanli

Il riferimento all’applicazione della moxibustione su ST36 Zusanli visto nel paragrafo precedente dal diario di Matsuo Basho Haiku  è quanto mai appropriato.

ST36 Zusanli

La moxibustione su ST36 Zusanli ha, infatti, un effetto molto potente, utile ad accelerare il recupero dalla fatica oltre che a favorire la prestazione muscolare.

Ha, inoltre, un profondo effetto di rafforzamento dell’energia dello stomaco e quindi, indirettamente, dell’energia vitale.

La semplicità della tecnica e la localizzazione del punto fanno della tecnica una opzione di autotrattamento in moxibustione estremamente utile.



Avvertenza

La medicina cinese non è una pratica sanitaria. I disturbi citati nei miei articoli vengono considerati esclusivamente da un punto di vista energetico. I trattamenti eventualmente indicati si intendono come trattamenti energetici per favorire il riequilibrio dell’organismo e il benessere generale della persona a 360 gradi. Le indicazioni in termini di alimentazione vanno intese nell’accezione energetica della medicina cinese. Le sequenze di autotrattamento eventualmente  illustrate NON devono intese come terapia di cura, per la quale dovete rivolgervi al medico.


Come puoi trarre beneficio dalla Moxibustione anche se non sei un esperto di medicina cinese. Guida ai concetti di base, alla tecnica e all’autotrattamento, Laura Vanni

moxibustione in autotrattamentoAcquista su Amazon
(formato e-book)
Leggi le recensioni
Leggi l’estratto su Amazon

Salute e malattia in medicina cinese

malattia in medicina cinese

Spesso accade che le persone si rivolgano a me perché avvertono una condizione di malessere non meglio identificata.

Sono già stati dal medico e hanno già fatto diversi accertamenti da cui non è emerso nulla di importante dal punto di vista fisiologico.

Eppure continuano a “non sentirsi bene“.

malattia in medicina cinese

A volte hanno difficoltà a dormire, un senso di irrequietezza immotivato, si sentono stanche, hanno capogiri, faticano a respirare oppure hanno a volte difficoltà digestive.

Tutti disturbi di poca importanza e che non si concretizzano in una vera e propria “malattia”, ma peggiorano la qualità della vita.

Si sentono  disorientati e scoraggiati dopo tante ricerche. A volte mi sembrano quasi dispiaciuti di non aver trovato una malattia da poter curare con un farmaco.  Questo, infatti, non giustifica i loro malesseri agli occhi degli altri e li fa a volte sentire “ipocondriaci”.

Altre volte accade, invece, che mi chiedano un consiglio su un disturbo che hanno da anni, in modo cronico e recidivante, e che non sono riusciti a risolvere nonostante numerosi farmaci. Come se il loro organismo si “ribellasse” alle cure.

In entrambi i casi è come se ci fosse “qualcosa sotto” al disturbo o alla malattia.

Per la medicina cinese questo “qualcosa” è il quadro energetico personale e va indagato mediante la valutazione energetica.

Nel mio lavoro, in particolare,  considero i vari disturbi come informazioni accessorie, “indizi” o “segni” che possono integrare le informazioni raccolte nella fase di valutazione energetica. Anche se questi disturbi sono il motivo per cui le persone si rivolgono a me, non sono importanti in se e per se. La loro valutazione in termini sanitari è, infatti, compito esclusivo del medico.

Salute e malattia in medicina cinese

Il concetto di salute in medicina cinese è connesso ad una condizione di benessere ed equilibrio che coinvolge l’organismo nella sua totalità.

malattia in medicina cinese

La salute non è l’assenza di una malattia, ma la presenza di un equilibrio di cui si è consapevoli e che fa sentire in armonia.

Questo equilibrio può essere espresso, molto sinteticamente, nell’equilibrio tra le energie Yin e Yang.

Quando questo equilibrio viene a mancare, si sviluppa la malattia.

Si sente spesso dire che la medicina cinese è una “medicina preventiva”.

Il senso di questa definizione è proprio nel fatto che la medicina cinese pone molta attenzione alla coltivazione dell’equilibrio energetico, in modo che la malattia non possa manifestarsi.

Secondo un antico detto cinese, infatti,

prendere medicine quando si è già sviluppata la malattia è come iniziare a scavare un pozzo quando si ha già sete.

In questo senso, per la medicina cinese “curarsi” non significa tanto assumere farmaci quando si sta male, ma significa “prendersi cura di sé” quando si sta bene.

Questo può essere fatto adottando uno stile di vita sano e ricorrendo, quando occorre, ai rimedi più adatti a riequilibrare prima possibile la propria salute (agopuntura, tuina, fitoterapia, dietetica cinese, qi gong).

Questo modo di pensare è talmente radicato nella medicina cinese che un tempo in Cina c’era l’abitudine di pagare i medici quando si era in salute, sospendendo il pagamento in caso di malattia: il buon medico mantiene in salute i propri pazienti aiutandoli a mantenere l’equilibrio tra lo Yin e lo Yang.

Più il medico riesce a fare questo, meno numerosi saranno i suoi assistiti. Per questo, il medico migliore non è quello che ha la sala d’attesa piena, ma è quello che ha pochi pazienti in attesa nel suo studio perché significa che sa dare buone indicazioni e i suoi assistiti  si ammalano poco.

malattia in medicina cinese

Le cause di malattia in medicina cinese

Secondo la medicina cinese, affinché la malattia non si manifesti, è necessario nutrire la vita attraverso una condotta di vita “sana”, adeguandosi ai ritmi della natura ed equilibrando le emozioni.

Il saggio nutre la vita, si conforma alle quattro stagioni, si adatta al caldo e al freddo, armonizza allegria e collera, si mette tranquillo in un posto, bilancia yin e yang, regola duro e morbido. Così malattie e Qi patogeni non arrivano e si vive a lungo

Quando l’equilibrio interno viene turbato da una qualsiasi causa e l’organismo non riesce a riequilibrarsi spontaneamente, si instaura una “malattia”:

L’energia dell’uomo circola nel suo corpo secondo le stesse leggi che governano la natura. Se questa circolazione è turbata, l’uomo è malato

In medicina cinese, i patogeni (“energie perverse”) vengono detti Xie Qi e si oppongono allo Zheng Qi che rappresenta, invece, la difesa dell’organismo (“energia giusta”, “corretta”).

Le cause che possono rompere l’equilibrio fisiologico possono essere diverse:

Le cause di malattia possono nascere dallo yin o dallo yang. Vento, Freddo, Calore estivo hanno origine nello yang. Dieta, abitudini di vita, euforia e collera hanno origine nello yin

Molto in sintesi, tradizionalmente le cause di malattia in medicina cinese si classificano in:

  • cause esterne: sono i sei Qi climatici (Vento, Freddo, Calore estivo, Umidità, Secchezza, Fuoco) che, in alcune circostanze, diventano Qi climatici “in eccesso”, possibile causa di malattia
  • cause interne: ovvero le emozioni
  • cause né interne né esterne: comprendono tutte le cause non classificabili come interne o interne (rientra in questo tipo di cause la costituzione, le abitudini di vita, l’alimentazione…)

Riassumendo

Il concetto di salute e malattia in medicina cinese coinvolge, quindi, il concetto di equilibrio energetico.

Questo approccio è molto diverso da quello della medicina occidentale.

In medicina occidentale assumiamo, infatti, che in assenza di malattia ci si trovi in una condizione di salute.

In medicina cinese non è così.

L’assenza di malattia può verificarsi anche in una condizione di squilibrio energetico. Questo squilibrio spesso causa piccoli o grandi disturbi alla persona (disturbi ai quali la persona a volte si abitua e non percepisce più) e, prima o poi, si manifesterà in malattia conclamata.

A questo aggiungiamo che:

  • uno stesso squilibrio energetico può manifestarsi in diverse possibili “malattie”  
  • allo stesso tempo, la stessa malattia può derivare da una molteplicità di quadri energetici. La differenziazione di questi quadri è compito del medico-operatore di medicina cinese e richiede una metodologia ben precisa di indagine da compiere sulla persona.

Da tutto questo deriva il motivo per cui non è possibile sapere da cosa dipende un mal di testa o un’insonnia senza fare una valutazione energetica personale.

Queste “malattie”, infatti, per la medicina cinese non sono altro che foglie di un albero.

Le foglie esprimono la malattia (magari sono secche, aggrinzite…) ma quello che dobbiamo comprendere (e trattare) è nelle radici dell’albero.

malattia in medicina cinese

© Laura Vanni

 


“Medicina Tradizionale Cinese.
Teorie di base per i primi passi”

medicina cinese

vai ai contenuti del libro

acquista il libro su Amazon
(formato e-book o cartaceo)

 

L’antica arte di osservare la lingua

osservare la lingua

Ho avuto il primo contatto con l’arte di osservare la lingua molto presto nella mia vita, anche se inconsapevolmente.

Da bambina, infatti, mi ammalavo spessissimo. Soffrivo di una grave forma di asma bronchiale che mi costringeva molto spesso a casa.

I miei genitori lavoravano entrambi, quindi in questi casi entrava in azione mia nonna Piera.

Ricordo ancora bene quando la mattina presto entrava in casa. Ancora con la borsa al braccio e le buste della spesa in mano mi diceva “fammi guardare la lingua“.

Io non capivo esattamente cosa ci vedesse.

Sicuramente ci vedeva cose diverse da quelle che ora io cerco ogni giorno guardando la lingua delle persone che si rivolgono a me.

Di fatto, però, sapevo che dopo mi aspettava una tisana calda oppure, meno felicemente, una purga che mi vuotava l’intestino.

osservare la lingua

Imparare ad osservare la lingua

Osservare la lingua secondo i canoni della medicina cinese è un’arte riservata a chi si è specializzato in questo. Sono, infatti, indispensabili elementi di teoria della medicina cinese per interpretare correttamente i segni e le manifestazioni della lingua.

Ciononostante, è molto importante per ognuno di noi imparare a riconoscere almeno alcuni aspetti importanti.

Dalla lingua si può osservare, infatti, la nostra condizione di benessere e si possono ricavare preziose informazioni sugli eventuali squilibri energetici.

Se iniziamo a guardare la lingua di amici e familiari ci rendiamo conto subito che non tutte le lingue sono uguali.

La nostra stessa lingua, oltretutto, cambia nel tempo.

La medicina cinese basa parte della sua analisi per la valutazione energetica proprio sulla pratica di  osservare la lingua esaminandone aspetti come:

  • il colore
  • la forma
  • la patina

osservare la lingua

Osservare la lingua. Alcune indicazioni generali

In primo luogo si deve tener presente che ogni area della lingua riflette un’area del nostro corpo.

Rossori, segni come fissurazioni, piccole ecchimosi, afte e così via possono fornire preziose informazioni anche molto puntuali a seconda della zona in cui compaiono.

In linea generale, si tenga conto che la parte:

  • centrale della lingua corrisponde al sistema digestivo (stomaco-milza)
  • anteriore (la punta della lingua) corrisponde all’area toracica (polmoni e cuore)
  • posteriore all’area del basso ventre (sistema escretore, rene)
  • perimetrale (i bordi della lingua) corrispondono al sistema fegato-colecisti.

In tal senso, una punta della lingua rossa segnala una condizione energetica detta “Fuoco di Cuore”.

Ci dice che la persona sta probabilmente vivendo un periodo di stress o vive un disagio emozionale. Probabilmente ha disturbi di Shen (ansia, agitazione…), disturbi del sonno e altre manifestazioni.

Una fissurazione o un addensamento di patina lungo il centro della lingua può segnalare, invece, disturbi a livello digestivo. La persona potrebbe avere difficoltà a digerire, bruciori, disturbi dell’appetito…

osservare la lingua

Osservare la lingua per fare prevenzione

Osserva sempre la tua lingua e fai attenzione a segnali come fissurazioni, segni o piccole ecchimosi e movimenti involontari (come se la lingua tremasse quando la tiri fuori dalla bocca).

Alcuni di questi segni possono indicare una condizione importante sulla quale è bene intervenire prima possibile.

Per approfondire l’osservazione della lingua in medicina cinese è indispensabile studiare il metodo tradizionale che si basa sull’osservazione del colore, della forma, della mobilità e dell’induito (patina) e fare esperienza con molte osservazioni.

Questo viene insegnato nelle scuole di formazione per operatori-medicina di medicina cinese.

Se sei interessato comunque a saperne di più, puoi trovare un PDF dedicato proprio all’osservazione della lingua nella pagina “risorse” di questo sito, insieme ad altri documenti ancora.

© Laura Vanni 2018



Per avvicinarti alla teoria della medicina cinese leggi il mio libro“Medicina Tradizionale Cinese. Teorie di base per i primi passi”

medicina cinese



Avvertenza

La medicina cinese non è una pratica sanitaria. I disturbi citati nei miei articoli vengono considerati esclusivamente da un punto di vista energetico. I trattamenti eventualmente indicati si intendono come trattamenti energetici per favorire il riequilibrio dell’organismo e il benessere generale della persona a 360 gradi. Le indicazioni in termini di alimentazione vanno intese nell’accezione energetica della medicina cinese. Le sequenze di autotrattamento eventualmente  illustrate NON devono intese come terapia di cura, per la quale dovete rivolgervi al medico.